Paolo Soro

CRS: da Ocse uno standard ad hoc

L'Organizzazione ha messo a punto lo status message XML schema relativo a quelli contenuti nelle due tipologie.

Gli Stati che hanno aderito allo scambio automatico di informazioni finanziarie (CRS) inizieranno a trasmettere e ricevere i file, secondo il cd. CRS XML Schema, sviluppato dall’Ocse, a partire dal settembre 2017.

Le informazioni contenute nei file oggetto di trasmissione potrebbero contenere errori dovuti sia alla non corretta generazione del file, sia ad incompletezze o inesattezze relative ai singoli record di dati.

Tenuto conto di questa eventualità, l’Ocse ha predisposto un apposito tracciato XML (con annessa Guida per utenti), finalizzato a consentire alle Autorità fiscali di scambiarsi informazioni relative alla gestione e correzione di questi errori.

Il cd. CRS Status Message XML Schema consente all’Autorità fiscale che ha ricevuto un file XML relativo allo scambio automatico CRS di comunicare all’Autorità inviante che il file ricevuto è errato, oppure contiene uno o più errori relativi a specifici record contenuti.

Gli errori relativi al file nel suo complesso sono quelli che non consentono all’Autorità fiscale ricevente di aprire il file trasmesso. Si tratta quindi errori che sono alla base della trasmissione, per i quali l’Ocse raccomanda, da un lato la massima tempestività nell’invio del messaggio di errore e, dall’altro la speditezza nel ritrasmissione del file corretto.

Questo approccio consente la corretta applicazione della Section 4 del CRS Multilateral Competent Authority Agreement, in relazione alla notifica e correzione di errori che impediscono l’effettivo scambio di informazioni.

Il CRS Status Message XML Schema può, inoltre, essere utilizzato da un’Autorità fiscale per fornire un riscontro dei dati forniti da un’istituzione finanziaria residente nello stesso Stato dell’Autorità.

Il CRS Status Message XML Schema si compone di due sezioni:

l’intestazione del messaggio con l’indicazione del soggetto inviante, del soggetto ricevente, del tipo di messaggio e del momento in cui è stato prodotto;

il corpo del messaggio, che contiene indicazioni in merito all’eventuale individuazione di errori, al tipo di errore individuato ed alla decisione in merito al fatto se accettare o meno il messaggio CRS.

Per ciascun file CRS ricevuto, l’Autorità ricevente trasmette alla propria controparte inviante un messaggio che indica il risultato del processo di validazione.

Con riferimento agli errori presenti nei singoli record una richiesta di correzione o eliminazione di record in un messaggio CRS non deve essere inviata all’Autorità inviante fino a quando l’Autorità ricevente non ha confermato la ricezione del messaggio, o prima di quindici giorni a partire dalla ricezione del file. Quando l’Autorità che ha ricevuto il file indica nel CRS Status Message XML Schema che il messaggio è stato rifiutato deve specificare almeno un tipo di errore registrato. Quando non viene registrato alcun tipo di errore, il messaggio deve essere accettato.

Anche se vengono indicati errori, il file può comunque essere accettato nel caso in cui l’errore non sia considerato così grave da giustificare un rifiuto completo.

Nel caso venga individuato un errore nei singoli record, è opportuno che il messaggio sia accettato, a meno che i record errati non siano così frequenti da imporre un rifiuto completo del file trasmesso. Quando il file è stato rifiutato, lo stesso deve essere corretto e ritrasmesso, nel caso in cui il rifiuto è dovuto ad un errore che ne inficia la capacità di lettura da parte dell’Autorità ricevente. Qualora, invece, siano presenti molti errori nei singoli record le Autorità competenti si consulteranno, ai sensi della Section 6 del CRS Multilateral Competent Authority Agreement, al fine di trovare un accordo che consenta la corretta ed effettiva trasmissione dei dati.

Fonte: Fisco-Oggi

comments powered by Disqus
oecd
top