Paolo Soro

Tax ruling, multinazionali in audizione

11 big dell’economia aprono il tax ruling europeo sulla base dei principi del progetto BEPS. Report di Italia Oggi.

Le multinazionali aprono al dialogo con le istituzioni europee sui temi fiscali.

Dopo aver declinato i precedenti inviti, ieri i rappresentanti di 11 «big» dell'economia mondiale hanno incontrato la Commissione speciale sui tax ruling istituita dal Parlamento Ue lo scorso mese di febbraio.

L'obiettivo? Condividere le loro opinioni sulle misure proposte dagli eurodeputati per pervenire a un sistema impositivo sugli utili d'impresa più equo, efficace e ragionevole.

A cominciare dalla tassazione del reddito laddove questo viene prodotto, come previsto peraltro da diverse raccomandazioni elaborate dall'Ocse nell'ambito del progetto Beps (transfer pricing, stabile organizzazione, web-economy, Cfc, strumenti finanziari ibridi ecc.).

A intervenire in audizione sono stati gli esponenti di Google, Facebook, Amazon, Hsbc Bank, Barclays, Philip Morris International, Ikea, Coca-Cola, The Walt Disney Company, McDonald's e Anheuser-Busch InBev.

Nei mesi passati alcune di queste realtà erano state già invitate dai parlamentari di Strasburgo a portare il proprio punto di vista, ma la maggior parte aveva rifiutato: alcune perché coinvolte nelle investigazioni in corso da parte di Bruxelles, altre si erano comunque dichiarate disponibili a un'interlocuzione scritta, mentre altre ancora avevano chiuso la porta in maniera netta.

Dopo un'ultima possibilità di partecipazione inviata dal presidente della Commissione, il francese Alain Lamassoure (Ppe), la maggior parte delle aziende ha però riconsiderato la propria posizione.

Va ricordato che, prima di ieri, il 23 giugno 2015 avevano già partecipato alle audizioni anche Bnp Paribas, Sse Plc e Total, mentre il 2 luglio era stata la volta di Airbus.

Fonte: Italia Oggi

comments powered by Disqus
corteuropea
top