Paolo Soro

Voluntary, c’è la proroga

Esultiamo: Il Sole 24 Ore dà notizia dell’attesa proroga per la voluntary disclosure e del contestuale scongiurato aumento delle accise sulla benzina dal 1° ottobre.

Tempi strettissimi, appena un quarto d’ora, per il Consiglio dei ministri che questa mattina a Palazzo Chigi ha varato due decreti legge.

Il più atteso proroga a fine dicembre la “voluntary disclosure” (l'emersione dei capitali detenuti all'estero) e azzera la clausola di salvaguardia sulle accise sui carburanti che sarebbe scattata domani a causa della bocciatura Ue al regime di reverse charge.

Il secondo decreto approvato dal governo introduce invece nuove regole in materia di finanza degli Enti locali.

Il decreto di proroga della “voluntary” prevedere un rinvio al 30 novembre del termine per la presentazione delle domande, e al 31 dicembre 2015 della scadenza per l'integrazione della documentazione.

Il governo utilizzerà il nuovo gettito accertato dall'Agenzia delle Entrate grazie alla “disclosure per scongiurare l'aumento delle accise sui carburanti che sarebbe scattata automaticamente dal 1° ottobre per effetto della clausola posta inizialmente a copertura dell'ammanco di 728 milioni di euro derivato dal no della Commissione Ue alla richiesta dell'Italia di una deroga alla normativa Ue per l'applicazione dell'inversione contabile a super e ipermercati”.

Ecco, dunque, il motivo che aveva impedito di prorogare la voluntary nel corso del precedente Consiglio dei ministri.

Fonte: Il Sole 24 Ore

comments powered by Disqus
dipendenti
top