Paolo Soro

Coronavirus, pubblica in Gazzetta Ufficiale il decreto “Cura Italia”

In nottata, è stato pubblicato, in un’edizione straordinaria della Gazzetta Ufficiale, il decreto legge 17 marzo 2020, N. 18, meglio noto come “Decreto Cura Italia”.

Il provvedimento è costituito da 5 Titoli e 127 articoli:

  1. Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale.
  2. Misure a sostegno del lavoro:

-          Estensione delle misure speciali in tema di ammortizzatori sociali per tutto il territorio nazionale;

-          Norme speciali in materia di riduzione dell’orario di lavoro e di sostegno ai lavoratori

  1. Misure a sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario
  2. Misure fiscali a sostegno della liquidità delle famiglie e delle imprese
  3. Ulteriori disposizioni

Di seguito, diamo conto delle più rilevanti misure di interesse economico e fiscale varate dal governo.

Titolo II

Misure a sostegno del lavoro

Capo I

Estensione delle misure speciali in tema di ammortizzatori sociali per tutto il territorio nazionale

Art. 19

(Norme speciali in materia di trattamento ordinario di integrazione salariale e assegno ordinario)

I datori di lavoro che nell’anno 2020 sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, possono presentare domanda di concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale o di accesso all’assegno ordinario con causale “emergenza COVID-19”, per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di nove settimane e comunque entro il mese di agosto 2020.

Per i datori di lavoro che presentano la domanda, resta ferma l’informazione,  la  consultazione  e  l’esame  congiunto  che  devono  essere  svolti  anche  in  via telematica entro i tre giorni successivi a quello della comunicazione preventiva. La domanda, in ogni caso, deve essere presentata entro la fine del quarto mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa.

L’assegno ordinario è concesso, limitatamente per il periodo indicato e nell’anno 2020, anche ai lavoratori dipendenti presso datori di lavoro iscritti al Fondo di integrazione salariale (FIS) che occupano mediamente più di 5 dipendenti. Il predetto trattamento su istanza del datore di lavoro può essere concesso con la modalità di pagamento diretto della prestazione da parte dell’INPS.

I lavoratori destinatari devono risultare alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione, alla data del 23 febbraio 2020.

Le prestazioni sono riconosciute entro un limite massimo di spesa. L'INPS provvede al monitoraggio del limite di spesa e qualora emerga che è stato raggiunto anche in via prospettica, non prende in considerazione ulteriori domande.    

Art. 20

(Trattamento ordinario di integrazione salariale per le aziende che si trovano già in Cassa integrazione straordinaria)

Le aziende che alla data del 23 febbraio 2020 hanno in corso un trattamento  di  integrazione  salariale  straordinario,  possono  presentare  domanda  di  concessione  del trattamento ordinario di integrazione salariale per un periodo non superiore a nove settimane. La concessione del trattamento ordinario sospende e sostituisce il trattamento di integrazione straordinario già in corso. La concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale può riguardare anche i medesimi lavoratori beneficiari delle integrazioni salariali straordinarie a totale copertura dell’orario di lavoro.

La concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale è subordinata alla sospensione degli effetti della concessione  della cassa integrazione straordinaria precedentemente autorizzata.

Anche in questo caso, l'INPS provvede al monitoraggio del limite di spesa, che qualora raggiunto anche in via prospettica, obbliga l’istituto a non prendere in considerazione ulteriori domande.

Art. 22

(Nuove disposizione per la Cassa integrazione in deroga)

Le Regioni e Province autonome, con riferimento ai datori di lavoro del settore privato, per i quali non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario,   in   costanza   di   rapporto   di   lavoro,   possono   riconoscere,   in   conseguenza   dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, previo accordo che può essere concluso anche in via telematica con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale per i datori di lavoro, trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo non superiore a nove settimane.

Per i lavoratori è riconosciuta la contribuzione figurativa e i relativi oneri accessori.

L’accordo non è richiesto per i datori di lavoro che occupano fino a cinque dipendenti.

Sono esclusi i datori di lavoro domestico.

I trattamenti sono concessi con decreto delle regioni e delle province autonome interessate,  da  trasmettere  all’INPS  in  modalità  telematica  entro  quarantotto  ore  dall’adozione,  la  cui efficacia è in ogni caso subordinata alla verifica del rispetto dei limiti di spesa. Le domande sono presentate alla regione e alle province autonome, che le istruiscono secondo l'ordine cronologico di presentazione delle stesse. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa, che se raggiunto anche in via prospettica, blocca le domande.

Capo II

Norme speciali in materia di riduzione dell’orario di lavoro e di sostegno ai lavoratori

Art. 23

(Congedo e indennità per i lavoratori dipendenti del settore privato, i lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26 della legge 8 agosto 1995, n. 335, e i lavoratori autonomi, per emergenza COVID -19)

Per l’anno 2020, a decorrere dal 5 marzo e per un periodo continuativo o frazionato comunque non superiore a quindici giorni, i genitori  lavoratori dipendenti del settore privato hanno diritto a fruire, per i figli di età non superiore ai 12 anni, di uno specifico congedo, per il quale è riconosciuta un’indennità pari al 50% della retribuzione. I suddetti periodi sono coperti da contribuzione figurativa.

Gli eventuali periodi di congedo parentale fruiti dai genitori durante il periodo di sospensione anzidetto, sono convertiti nel nuovo congedo previsto con diritto all’indennità e non computati né indennizzati a titolo di congedo parentale.

I genitori lavoratori iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, hanno diritto di fruire, per i figli di età non superiore ai 12 anni, di uno specifico congedo, per il quale è riconosciuta un’indennità, per ciascuna giornata indennizzabile, pari al 50% di 1/365 del  reddito  individuato  secondo  la  base  di  calcolo  utilizzata  ai  fini  della  determinazione dell’indennità di maternità. La medesima indennità è estesa ai genitori lavoratori autonomi iscritti all’INPS ed è commisurata, per ciascuna giornata indennizzabile, al 50% della retribuzione convenzionale giornaliera stabilita annualmente dalla legge, a seconda della tipologia di lavoro autonomo svolto.

La fruizione del congedo di cui al presente articolo è riconosciuta alternativamente a entrambi i genitori, per un totale complessivo di quindici giorni, ed è subordinata alla condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore.

Il limite di età non si applica in riferimento ai figli con disabilità in situazione di gravità accertata (legge 104), iscritti a scuole di ogni ordine e grado od ospitati in centri diurni a carattere assistenziale.

I genitori lavoratori dipendenti del settore privato con figli minori, di età compresa tra i 12 e i 16 anni, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o che non vi sia genitore non lavoratore, hanno diritto di astenersi dal lavoro per il periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, senza   corresponsione   di   indennità   né   riconoscimento   di   contribuzione   figurativa,   con   divieto   di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Le disposizioni valgono anche nei confronti dei genitori affidatari.

In alternativa alle prestazioni indicate, per i medesimi lavoratori beneficiari, è prevista la possibilità di scegliere la corresponsione di un bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting nel limite massimo complessivo di 600 euro, da utilizzare per prestazioni effettuate nel periodo in questione. Il bonus viene erogato mediante libretto di famiglia.

Il bonus è altresì riconosciuto ai lavoratori autonomi non iscritti all’INPS, subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali del numero dei beneficiari.

Le modalità operative sono stabilite dall’INPS e soggette al solito monitoraggio entro i limiti di spesa previsti dal bilancio dello Stato.

Tali bonus si applicano anche ai lavoratori del settore pubblico.

Art. 24

(Estensione durata permessi retribuiti ex art. 33, legge 5 febbraio 1992, n. 104)

Il numero di giorni di permesso retribuito coperto da contribuzione figurativa (legge 104) è incrementato di ulteriori complessive 12 giornate usufruibili nei mesi di marzo e aprile 2020.

Art. 26

(Misure urgenti per la tutela del periodo di sorveglianza attiva dei lavoratori del settore privato)

Il periodo trascorso in quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva dai lavoratori  del  settore  privato,  è  equiparato  a  malattia  ai  fini  del  trattamento  economico  previsto  dalla normativa di riferimento e non è computabile ai fini del periodo di comporto.

Il medico curante redige il certificato di malattia con gli estremi del provvedimento che ha dato origine alla quarantena con sorveglianza attiva o alla permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva.

Sono considerati validi i certificati di malattia trasmessi, prima dell’entrata in vigore della presente disposizione, anche in assenza del provvedimento dell’operatore di sanità pubblica.

Qualora il lavoratore si trovi in malattia accertata da COVID-19, il certificato è redatto dal medico curante nelle consuete modalità telematiche, senza necessità di alcun provvedimento da parte dell’operatore di sanità pubblica.

Art. 27

(Indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa)

Ai liberi professionisti titolari di partita iva attiva alla data del 23 febbraio 2020 e ai lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data, iscritti alla Gestione separata, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito. L’indennità è erogata dall’INPS, previa domanda, entro un limite di spesa prefissato.

Art. 28

(Indennità lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni speciali dell’Ago)

Ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, ad esclusione della Gestione separata, è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito ed è soggetta al limite di spesa prefissato.

Art. 29

(Indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali)

Ai lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data odierna, non titolari di pensione e non titolari di rapporto di lavoro dipendente sempre alla data odierna, è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito ed è soggetta al limite di spesa prefissato.

 Art. 30

(Indennità lavoratori del settore agricolo)

1. Agli operai agricoli a tempo determinato, non titolari di pensione, che nel 2019 abbiano effettuato almeno

50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo, è riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro. L’indennità di cui al presente articolo non concorre alla formazione del reddito ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

2.  L’indennità  di  cui  al  presente  articolo  è  erogata  dall’INPS,  previa  domanda,  nel  limite  di  spesa complessivo di 396 milioni di euro per l’anno 2020. L'INPS provvede al monitoraggio del rispetto del limite di spesa e comunica i risultati di tale attività al Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Qualora dal predetto monitoraggio emerga il verificarsi di scostamenti, anche in via prospettica, rispetto al predetto limite di spesa, non possono essere adottati altri provvedimenti concessori.

3. Alla copertura degli oneri previsti dal presente articolo si provvede ai sensi dell’articolo 126.

Art. 31 (Incumulabilità tra indennità)

Tutte le indicate indennità non sono fra loro cumulabili.

Art. 32

(Proroga del termine di presentazione delle domande di disoccupazione agricola nell’anno 2020)

In considerazione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19,  per  gli  operai  agricoli  a  tempo determinato e indeterminato e per le figure equiparate, ovunque residenti o domiciliati sul territorio nazionale, il termine per la presentazione delle domande di disoccupazione agricola è prorogato, solo per le domande non già presentate in competenza 2019, al giorno 1° giugno 2020.

Art. 33

(Proroga dei termini in materia di domande di disoccupazione NASpI e DIS-COLL)

Al fine di agevolare la presentazione delle domande di disoccupazione NASpI e DIS-COLL, in considerazione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, per gli eventi di cessazione involontaria dall’attività lavorativa verificatisi a decorrere dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, i termini di decadenza previsti sono ampliati da 68 a 128 giorni.

Art. 34

(Proroga termini decadenziali in materia previdenziale e assistenziale)

In considerazione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, a decorrere dal 23 febbraio 2020 e sino al 1° giugno 2020 il decorso dei termini di decadenza relativi alle prestazioni previdenziali, assistenziali e assicurative erogate dall’INPS e dall’INAIL è sospeso di diritto.

Sono altresì sospesi, per il medesimo periodo e per le medesime materie ivi indicate, i termini di prescrizione.

Art. 37

(Sospensione dei termini per il pagamento dei contributi previdenziali  e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria per i lavoratori domestici)

Sono sospesi i termini relativi ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria dovuti dai datori di lavoro domestico in scadenza nel periodo dal 23 febbraio

2020 al 31 maggio 2020. Non si fa luogo al rimborso dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria già versati. I pagamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria, sospesi ai sensi del presente articolo, sono effettuati entro il 10 giugno 2020, senza applicazione di sanzioni e interessi.

I termini di prescrizione sono altresì sospesi, per il periodo dal 23 febbraio 2020 al 30 giugno 2020 e riprendono a decorrere dalla fine del periodo di sospensione.

Art. 39

(Disposizioni in materia di lavoro agile)

Fino alla data del 30 aprile 2020, i lavoratori dipendenti disabili o che abbiano nel proprio nucleo familiare una persona con disabilità (legge 104), hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.

Ai lavoratori del settore privato affetti da gravi e comprovate patologie con ridotta capacità lavorativa è riconosciuta  la  priorità  nell’accoglimento  delle  istanze  di  svolgimento  delle  prestazioni  lavorative  in modalità agile.

Art. 40

(Sospensione delle misure di condizionalità)

Ferma restando la fruizione dei benefici economici, sono sospesi per due mesi dall’entrata in vigore del presente decreto gli obblighi connessi alla fruizione del reddito di cittadinanza e i relativi termini ivi previsti, le misure di condizionalità e i relativi termini comunque previsti per i percettori di NASPI e di DISCOLL, e per i beneficiari di integrazioni salariali. 

Art. 42 (Disposizioni INAIL)

A decorrere dal 23 febbraio 2020 e sino al 1° giugno 2020, il decorso dei termini di decadenza relativi alle richieste di prestazioni erogate dall’INAIL è sospeso di diritto e riprende a decorrere dalla fine del periodo di sospensione. Sono altresì sospesi, per il medesimo periodo e per le stesse prestazioni, i termini di prescrizione. Sono, infine, sospesi i termini di revisione della rendita.

Nei casi accertati  di  infezione  da  coronavirus  (SARS-  CoV-2)  in  occasione  di  lavoro,  il  medico certificatore redige il consueto certificato di infortunio e lo invia telematicamente all’INAIL che assicura la relativa tutela dell’infortunato. Le prestazioni INAIL nei casi accertati di infezioni da coronavirus in occasione di lavoro sono erogate anche per il periodo di quarantena o di permanenza domiciliare fiduciaria.

Art. 46

(Sospensione delle procedure di impugnazione dei licenziamenti)

A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto l’avvio delle procedure di licenziamenti collettivi è precluso per 60 giorni e nel medesimo periodo sono sospese le procedure pendenti avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020. Sino alla scadenza del suddetto termine, il datore di lavoro, indipendentemente dal numero dei dipendenti, non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo.

L’assenza dal posto di lavoro da parte di uno dei genitori conviventi di una persona con disabilità non può costituire giusta causa di recesso dal contratto di lavoro, a condizione  che  sia  preventivamente  comunicata  e  motivata  l’impossibilità  di  accudire  la  persona  con disabilità.

Titolo III

Misure a sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario

Art. 54

(Attuazione del Fondo solidarietà mutui “prima casa”, cd. “Fondo Gasparrini”)

Per un periodo di 9 mesi dal 17/03/2020:

a.         l’ammissione ai benefici del Fondo è estesa ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti che autocertifichino di aver registrato, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data, un calo del proprio fatturato, superiore al 33% del fatturato dell’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività operata  in  attuazione  delle  disposizioni  adottate  dall’autorità  competente  per  l’emergenza coronavirus;

b.         Per  l’accesso  al  Fondo  non  è  richiesta  la  presentazione  dell’indicatore  della  situazione economica equivalente (ISEE).

Nel caso di mutui concessi da intermediari bancari o finanziari, il Fondo, su richiesta del mutuatario che intende avvalersi della facoltà, provvede al pagamento degli interessi compensativi nella misura pari al 50% degli interessi maturati sul debito residuo durante il periodo di sospensione.

Art. 55

(Misure di sostegno finanziario alle imprese)

Qualora una società ceda a titolo oneroso, entro il 31 dicembre 2020, crediti pecuniari vantati nei confronti di debitori inadempienti, può trasformare in credito d’imposta le attività per imposte anticipate riferite a perdite fiscali non ancora computate in diminuzione del reddito imponibile alla data della cessione.

Ai fini della trasformazione in credito d’imposta, le perdite possono essere considerate per un ammontare massimo non eccedente il 20% del valore nominale dei crediti ceduti. I crediti ceduti possono essere considerati per un valore nominale massimo pari a 2 miliardi di euro. Le attività per imposte anticipate riferibili a tali perdite possono essere trasformate in credito d’imposta anche se non iscritte in bilancio. La trasformazione in credito d’imposta avviene alla data di efficacia della cessione dei crediti.

I crediti d’imposta derivanti dalla trasformazione non sono produttivi di interessi. Essi possono essere utilizzati, senza limiti di importo, in compensazione, ovvero possono essere ceduti, o possono essere chiesti a rimborso. I crediti d’imposta vanno indicati nella dichiarazione dei redditi e non concorrono alla formazione del reddito di impresa né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Le disposizioni non si applicano alle cessioni di crediti tra società che sono tra loro legate da rapporti di controllo e alle società controllate, anche indirettamente, dallo stesso soggetto.

Art. 56

(Misure di sostegno finanziario alle micro, piccole e medie imprese colpite dall’epidemia di COVID-19)

Al fine di sostenere le attività imprenditoriali danneggiate dall’epidemia di COVID-19 le Imprese possono avvalersi dietro comunicazione – in relazione alle esposizioni debitorie nei confronti di banche, di intermediari finanziari e degli altri soggetti abilitati alla concessione di credito in Italia – delle seguenti misure di sostegno finanziario:

a)         per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se superiori, a quella del 17/03/2020, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 30 settembre 2020;

b)         per i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020 i contratti sono prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità, fino al 30 settembre

2020 alle medesime condizioni;

c)         per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 è sospeso sino al 30 settembre 2020 e il piano di rimborso delle rate o dei canoni oggetto di sospensione è dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per entrambe le parti; è facoltà delle imprese richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale.

La comunicazione è corredata della dichiarazione con la quale l’Impresa autocertifica di aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

Possono beneficiare delle misure le Imprese le cui esposizioni debitorie non siano, alla data del 17/03/2020, classificate come esposizioni creditizie deteriorate.

Ai fini del presente articolo, si intendono per Imprese le microimprese e le piccole e medie imprese aventi sede in Italia.

Su richiesta telematica  del soggetto  finanziatore  con  indicazione  dell’importo  massimo  garantito,  le operazioni oggetto delle misure di sostegno sono ammesse, senza valutazione, alla garanzia di un’apposita sezione speciale del Fondo. La sezione speciale garantisce:

a) per un importo pari al 33% i maggiori utilizzi, alla data del 30 settembre 2020, rispetto all’importo utilizzato alla data del 17/03/2020;

b) per un importo pari al 33% i prestiti e gli altri finanziamenti la cui scadenza è prorogata;

c) per un importo pari al 33% le singole rate dei mutui e degli altri finanziamenti a rimborso rateale o dei canoni di leasing che siano in scadenza entro il 30 settembre 2020 e che siano state sospese.

Con riferimento a finanziamenti erogati con fondi, in tutto o in parte, di soggetti terzi, le operazioni sono realizzate senza preventiva autorizzazione da parte dei suddetti soggetti e con automatico allungamento del contratto di provvista in relazione al prolungamento dell’operazione di finanziamento,  alle  stesse  condizioni  del  contratto  originario  nonché  con  riferimento  a  finanziamenti agevolati  previa    comunicazione  all’ente  incentivante che  entro  15  giorni  può  provvedere  a  fornire  le eventuali integrazioni alle  modalità operative.

La garanzia della sezione speciale del Fondo ha natura sussidiaria ed è concessa a titolo gratuito. La garanzia copre i pagamenti contrattualmente previsti per interessi e capitale dei maggiori utilizzi delle linee di credito e dei prestiti, delle rate o dei canoni di leasing sospesi e degli altri finanziamenti prorogati. 

Titolo IV

Misure fiscali a sostegno della liquidità delle famiglie e delle imprese

Art. 60

(Rimessione in termini per i versamenti)

I versamenti  nei  confronti  delle  pubbliche  amministrazioni,  inclusi  quelli  relativi  ai  contributi previdenziali e assistenziali e ai premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo 2020 sono prorogati al 20 marzo 2020.

Art. 61

(Sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria)

Per:

i soggetti che gestiscono attività di ristorazione, gelaterie, pasticcerie, bar e pub;

i soggetti che gestiscono servizi di noleggio di mezzi di trasporto terrestre, marittimo, fluviale etc.;

i soggetti che svolgono attività di guida e assistenza turistica;

i soggetti che gestiscono ricevitorie;

i soggetti che organizzano corsi, fiere ed eventi, ivi compresi quelli di carattere artistico, culturale, ludico, sportivo e religioso;

i soggetti  che  gestiscono  musei,  biblioteche,  archivi,  luoghi  e  monumenti  storici;

i soggetti  che  gestiscono  asili  nido  e  servizi  di  assistenza  diurna  per  minori  disabili etc.;

i soggetti che gestiscono servizi di trasporto merci e trasporto passeggeri terrestre, aereo, marittimo etc.;

i soggetti che gestiscono servizi di noleggio di attrezzature sportive e ricreative;

i termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte sui lavoratori dipendenti e assimilati, e i termini  relativi  agli  adempimenti  e  ai  versamenti  dei contributi  previdenziali   e   assistenziali   e   dei   premi   per

l'assicurazione obbligatoria, sono prorogati al 31 maggio 2020.

Per le imprese turistico recettive, le agenzie di viaggio e turismo e i tour operator, i termini dei versamenti relativi all’imposta sul valore aggiunto in scadenza nel mese di marzo 2020 sono sospesi.

I versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020. Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

Art. 62

(Sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi)

Per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato sono sospesi gli adempimenti tributari diversi dai versamenti e diversi dall’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020. Resta fermo il rinvio dal 16 marzo al 31 marzo riguardanti i termini relativi alla dichiarazione dei redditi precompilata 2020.

Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro nell’anno 2019, sono sospesi i versamenti da autoliquidazione che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2020:

a) relativi alle ritenute alla fonte sui lavoratori dipendenti e assimilati, e alle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale;

b) relativi all’imposta sul valore aggiunto;

c) relativi ai contributi previdenziali e assistenziali, e ai premi per l'assicurazione obbligatoria.

La  sospensione  dei  versamenti  dell’imposta  sul  valore  aggiunto si  applica,  a prescindere  dal  volume  dei  ricavi  o compensi  percepiti,  ai soggetti  esercenti  attività  d’impresa,  arte  o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nelle Province di Bergamo, Cremona, Lodi e Piacenza.

I versamenti sospesi sono effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020. Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

Gli adempimenti sospesi sono effettuati entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni.

Per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi non superiori a euro 400.000 nel 2019, i ricavi e i compensi percepiti nel periodo compreso tra il 17/03/2020 e il 31 marzo  2020 non sono assoggettati alle ritenute d'acconto per lavoro autonomo, assimilato e di intermediazione (agenti etc.), a condizione che nel mese precedente non abbiano sostenuto spese per prestazioni  di  lavoro  dipendente  o  assimilato. Tali contribuenti rilasciano un’apposita dichiarazione dalla quale risulti che i ricavi e compensi non sono soggetti a ritenuta ai sensi del presente Decreto Cura Italia, e provvedono a versare l’ammontare delle ritenute d’acconto non operate in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020, senza applicazione di sanzioni e interessi.

Art. 63

(Premio ai lavoratori dipendenti)

Ai titolari di redditi di lavoro dipendente che possiedono un  reddito  complessivo  da  lavoro  dipendente  dell’anno 2019 di  importo  non  superiore  a  40.000 euro, spetta un premio, per il mese di marzo 2020, che non concorre alla formazione del reddito, pari a 100 euro da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro nel predetto mese.

I datori di lavoro riconoscono in via automatica il premio a partire dalla retribuzione corrisposta nel mese di aprile e comunque entro il termine di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno, compensandolo nel modello F24.

Art. 64

(Credito d'imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro)

Ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione è riconosciuto, per il periodo d'imposta 2020, un credito d'imposta, nella misura del 50% delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro sostenute e documentate fino ad un massimo di 20.000 euro per ciascun beneficiario, entro il tetto previsto.

Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, da adottare entro 30 giorni, sono stabiliti i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta.

Art. 65

(Credito d’imposta per botteghe e negozi)

Ai soggetti esercenti attività d’impresa è riconosciuto, per l’anno 2020, un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1, utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Art. 66

(Incentivi fiscali per erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto dell’emergenza epidemiologica da COVID-19)

Per le erogazioni liberali in denaro e in natura, effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non  commerciali,  in  favore  dello  Stato,  delle  regioni,  degli  enti  locali  territoriali,  di  enti  o  istituzioni pubbliche, di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute senza scopo di lucro, finalizzate a finanziare

gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 spetta una

detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a

30.000 euro.

Le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto all’emergenza epidemiologica da COVID-19, effettuate nell’anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d’impresa, sono deducibili dal reddito d'impresa ai fini delle relative imposte, laddove eseguite per il tramite di fondazioni, di associazioni, di comitati e di enti. Ai fini dell'imposta regionale sulle attività produttive, le erogazioni liberali di cui al periodo precedente sono deducibili nell'esercizio in cui sono effettuate.

Art. 67

(Sospensione dei termini relativi all’attività degli uffici degli enti impositori)

Sono sospesi dall’8 marzo al 31 maggio 2020 i termini relativi alle attività di liquidazione, di controllo, di accertamento, di riscossione e di contenzioso, da parte degli uffici degli enti impositori. Sono, altresì, sospesi, dall’8 marzo al 31 maggio 2020, i termini per fornire risposta alle istanze di interpello. Per il medesimo periodo, è, altresì, sospeso il termine previsto per la regolarizzazione delle istanze di interpello.

In relazione alle istanze di interpello presentate nel periodo di sospensione, i termini per la risposta iniziano a decorrere dal primo giorno del mese successivo al termine del periodo di sospensione. Durante il periodo di sospensione, la presentazione delle predette istanze di interpello e di consulenza giuridica è consentita esclusivamente per via telematica, attraverso l’impiego della posta elettronica certificata.

Sono altresì sospese, dall’8 marzo al 31 maggio 2020, le attività, non aventi carattere di indifferibilità e urgenza, consistenti nelle risposte alle istanze di  accesso  alla  banca  dati  dell’Anagrafe Tributaria,  compreso  l’Archivio  dei  rapporti  finanziari.

Con riferimento ai termini di prescrizione e decadenza relativi all’attività degli uffici degli enti impositori sono prorogati di 2 anni.

Art. 68

(Sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all'agente della riscossione)

Con riferimento alle entrate tributarie e non tributarie, sono sospesi i termini dei versamenti, scadenti nel periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020, derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, nonché dagli avvisi di accertamento. I versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione. Non si procede al rimborso di quanto già versato. Le disposizioni si applicano anche agli atti di precetto e alle ingiunzioni emesse dagli enti territoriali.

Le comunicazioni di inesigibilità relative alle quote affidate agli agenti della riscossione nell’anno 2018, nell’anno 2019 e nell’anno 2020 sono presentate, rispettivamente, entro il 31 dicembre 2023, entro il 31 dicembre 2024 e entro il 31 dicembre 2025.

Art. 71

(Menzione per la rinuncia alle sospensioni)

Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze sono previste forme di menzione per i contribuenti i  quali,  non  avvalendosi  di  una  o  più  tra  le  sospensioni  di  versamenti  previste, effettuino  alcuno  dei  versamenti  sospesi  e  ne  diano  comunicazione  al  Ministero dell’economia e delle finanze.

Titolo V Ulteriori disposizioni

Capo I

(Ulteriori misure per fronteggiare l’emergenza derivante dalla diffusione del Civ-19)

ART. 83

(Nuove misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia civile, penale, tributaria e militare)

Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 le udienze dei procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari sono rinviate d’ufficio a data successiva al 15 aprile 2020.

Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali. Si intendono pertanto sospesi, per la stessa durata, i termini stabiliti per la fase delle indagini preliminari, per l’adozione di provvedimenti giudiziari e per il deposito della loro motivazione, per la proposizione degli atti introduttivi del giudizio e dei procedimenti esecutivi, per le impugnazioni e, in genere, tutti i termini procedurali. Ove il decorso del termine abbia inizio durante il periodo di sospensione, l’inizio stesso è differito alla fine di detto periodo. Quando il termine è computato a ritroso e ricade in tutto o in parte nel periodo di sospensione, è differita l’udienza o l’attività da cui decorre il termine in modo da consentirne il rispetto.

Si intendono altresì sospesi, per la stessa durata, i termini per la notifica del ricorso in primo grado innanzi alle Commissioni tributarie e il termine dei 90 giorni relativo alla procedura del ricorso/mediazione.

Le anzidette disposizioni non operano nei seguenti casi:

cause di competenza del tribunale per i minorenni; cause relative a rapporti di famiglia; procedimenti cautelari aventi a oggetto la tutela di diritti fondamentali della persona; procedimenti  per  l’adozione  di  provvedimenti  in  materia  di  tutela,  di  amministrazione  di sostegno etc.; procedimenti per l’adozione di ordini di protezione contro gli abusi familiari; procedimenti di convalida dell’espulsione, allontanamento e trattenimento di cittadini di paesi terzi e dell’Unione europea; tutti i procedimenti la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti; procedimenti di convalida dell’arresto o del fermo etc.; procedimenti  in  cui  sono applicate misure di sicurezza detentive etc.; procedimenti a carico di persone detenute; procedimenti che presentano carattere di urgenza, per la necessità di assumere prove indifferibili.

Art. 84

(Nuove misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia amministrativa)

Fatto salvo quanto previsto in determinati casi d’urgenza, dal 8 marzo 2020 e fino al 15 aprile 2020 inclusi, tutti i termini relativi al processo amministrativo sono parimenti sospesi.

Articolo 85

(Nuove misure urgenti per contrastare l'emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia contabile)

Analoghe disposizioni si applicano, in quanto compatibili, a tutte le funzioni della Corte dei conti.

 (Rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei contratti di acquisto di biglietti per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura)

A decorrere dall’8 marzo, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 1463 del codice civile, ricorre la sopravvenuta impossibilità della  prestazione dovuta in relazione ai contratti di acquisto di titoli di accesso per spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, e di biglietti di ingresso ai musei e agli altri luoghi della cultura.

Art. 103

(Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza)

Ai  fini  del  computo  dei  termini  ordinatori  o  perentori,  propedeutici,  endoprocedimentali,  finali  ed esecutivi, relativi allo svolgimento di procedimenti amministrativi su istanza di parte o d’ufficio, pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data, non si tiene conto del periodo compreso tra la medesima data e quella del 15 aprile 2020. Le pubbliche amministrazioni adottano ogni misura organizzativa idonea ad assicurare comunque la ragionevole durata e la celere conclusione dei procedimenti, con priorità per quelli da considerare urgenti, anche sulla base di motivate istanze degli interessati.

Art. 104

(Proroga della validità dei documenti di riconoscimento)

La validità a ogni effetto dei documenti di riconoscimento e di identità rilasciati da amministrazioni pubbliche, scaduti o in scadenza successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto è prorogata al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta limitata alla data di scadenza indicata nel documento.  

Art. 106

(Norme in materia di svolgimento delle assemblee di società)

In deroga a quanto previsto dagli articoli 2364, secondo comma, e 2478-bis, del codice civile o alle diverse disposizioni statutarie, l’assemblea ordinaria è convocata entro 6 mesi dalla chiusura dell’esercizio.

Con l’avviso di convocazione delle  assemblee ordinarie o straordinarie le società per azioni, le società in accomandita  per  azioni,  le  società  a  responsabilità  limitata, e le  società  cooperative  e  le  mutue assicuratrici possono prevedere, anche in deroga alle diverse disposizioni statutarie, l’espressione del voto in via elettronica o per corrispondenza e l'intervento all'assemblea mediante mezzi di telecomunicazione; le predette società possono altresì prevedere che l’assemblea si svolga, anche esclusivamente, mediante mezzi di telecomunicazione che garantiscano l’identificazione dei partecipanti, la loro partecipazione e l’esercizio del diritto di voto, senza in ogni caso la necessità che si trovino nel medesimo luogo, ove previsti, il presidente, il segretario o il notaio.

Le società a responsabilità limitata possono, inoltre, consentire, anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 2479, quarto comma, del codice civile e alle diverse disposizioni statutarie, che l’espressione del voto avvenga mediante consultazione scritta o per consenso espresso per iscritto.

Le disposizioni si applicano alle assemblee convocate entro il 31 luglio 2020 ovvero entro la data, se successiva, fino alla quale è in vigore lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza della epidemia da COVID-19.

Art. 108

(Misure urgenti per lo svolgimento del servizio postale)

Dal 17/03/2020 e fino al 30 giugno 2020, per lo svolgimento del servizio postale relativo agli invii raccomandati, agli invii assicurati e alla distribuzione dei pacchi, nonché per lo svolgimento dei servizi di notificazione a mezzo posta, gli operatori postali procedono alla consegna dei suddetti invii e pacchi mediante preventivo accertamento della presenza del destinatario  o di persona abilitata  al ritiro, senza raccoglierne   la   firma   con   successiva   immissione   dell’invio   nella   cassetta   della   corrispondenza dell’abitazione, dell’ufficio o dell’azienda, al piano o in altro luogo, presso il medesimo indirizzo, indicato contestualmente dal destinatario o dalla persona abilitata al ritiro. La firma è apposta dall’operatore postale sui documenti di consegna in cui è attestata anche la suddetta modalità di recapito.

Art. 113

(Rinvio di scadenze adempimenti relativi a comunicazioni sui rifiuti)

Sono prorogati al 30 giugno 2020 i seguenti termini di:

presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD);

versamento del diritto annuale di iscrizione all’Albo nazionale gestori ambientali.

Art. 127 (Entrata in vigore)

Il presente decreto entra in vigore in data odierna: 17/03/2020

comments powered by Disqus
coronavirus-4810201 1920
top